Menu

Ok decreto, ma servono correzioni

  • Pubblicato in Notizie

«Aspettiamo di leggere meglio i testi, ma noi non saremo mai contro reddito di cittadinanza e quota 100 per le parti che si riferiscono alla possibilità di aiutare i poveri e fare in modo che si possa andare in pensione prima». Così Gerardo Colamarco, segretario generale della UIL Veneto, sulla scia della posizione espressa dal segretario nazionale Carmelo Barbagallo al Consiglio Confederale di Roma. «Noi non siamo opposizione politica, siamo parti sociali, siamo il sindacato e vogliamo discutere con il Governo di tutto ciò che serve non solo per cercare il lavoro, ma per creare il lavoro». Per la UIL c´è però da affrontare la questione fiscale. A parità di reddito, lavoratori dipendenti e autonomi devono pagare le stesse tasse. Sarebbe incostituzionale fare il contrario. I sindacati hanno chiesto un incontro al Governo. «Ci auguriamo - conclude Colamarco - che la convocazione arrivi in tempi brevi. Altrimenti è già in programma una grande manifestazione unitaria a Roma, il prossimo 9 febbraio, alla quale UIL Veneto sarà presente con centinaia di delegati».

 

Leggi tutto...
Subscribe to this RSS feed