Menu

Crisi, UIL chiede un governo stabile

  • Pubblicato in Notizie

A proposito dell’attuale crisi politica, il segretario generale della UIL Carmelo Barbagallo ha ricordato che “sin dal primo momento, la Uil ha sostenuto la necessità di un Governo stabile. Noi ci vogliamo confrontare con i Governi per ottenere risultati in merito alla riduzione delle tasse ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, alla creazione di infrastrutture materiali e immateriali, al Mezzogiorno, al lavoro per i giovani e le donne. Qualunque sia il Governo, ci aspettiamo un confronto serio e serrato su questi e su tutti gli altri capitoli della piattaforma unitaria. Noi siamo pronti e, al di là dei programmi dei partiti che contengono di tutto e di più, ci aspettiamo risposte concrete”. 

Barbagallo ha ribadito che quota 100 e reddito di cittadinanza sono due misure che possono aiutare, ma che non sono risolutive e ha sollecitato l’avvio delle due commissioni per la separazione della previdenza dall’assistenza e per la valutazione dei lavori gravosi e usuranti.

Leggi tutto...

Più risorse dal Governo

  • Pubblicato in Notizie

«I dati di Veneto Lavoro illustrati dall'assessore regionale Elena Donazzan sulla perdita di posti di lavoro nella nostra regione sono preoccupanti, tutto dipenderà da quanto durerà questa emergenza».
Gerardo Colamarco, segretario generale della Uil Veneto, spiega che «la situazione è molto difficile, anche se è presto per fare un bilancio, occorreranno settimane se non mesi».
Il segretario ricorsa la sottoscrizione degli accordi sulla cassa integrazione in deroga, «ma la disponibilità è appena sufficiente e per lo più per un tempo limitato. Dobbiamo pretendere dal Governo centrale più risorse. Se il blocco delle attività dovesse proseguire, temo per la tenuta del settore terziario, del commercio e del turismo, e non solo per quanto riguarda i lavoratori stagionali, ma per l'intero comparto. Il rischio maggiore è dover ripensare all'intero ciclo produttivo della nostra regione».
Uil Veneto comunque continua a «monitorare con attenzione la situazione, di concerto con le altre organizzazioni sindacali, con la Regione e con le associazioni datoriali. Stiamo mettendo in campo tutte le nostre energie - conclude Colamarco - per salvaguardare i posti di lavoro». 

Leggi tutto...
Subscribe to this RSS feed