Menu

Lettera dei Sindacati di Shandong

  • Pubblicato in Notizie

«Il sole esce sempre dopo la tempesta». È il messaggio di speranza inviato dalla Federazione dei Sindacati di Shandong, in Cina, alla Uil Veneto, accompagnando la spedizione di 70mila mascherine per prevenire la diffusione del coronavirus.

La lettera – datata 18 marzo – esprime le condoglianze al popolo italiano per quanto sta accadendo e ringrazia il Segretario Generale di Uil Veneto Gerardo Colamarco, che ha inviato una lettera di condoglianze alla Federazione dei sindacati dello Shandong non appena è scoppiata l’epidemia in Cina.

«Dopo lo scoppio dell'epidemia – scrivono i sindacalisti cinesi - sotto la forte leadership del Comitato centrale del Partito, con il compagno Xi Jinping come nucleo centrale, il governo e il popolo cinesi hanno lavorato duramente e hanno risposto scientificamente per raggiungere la soluzione del problema. Grazie alla prevenzione e al controllo dell'epidemia la situazione è migliorata costantemente e si è accelerato il ritorno alla normalità.
Ciò ha salvaguardato il popolo cinese. Il miglioramento della situazione in Cina ha contribuito positivamente anche alla protezione della salute e della sicurezza delle persone in tutto il mondo».

Nel lungo messaggio viene richiamato il ruolo fondamentale svolto dalla Federazione provinciale dei sindacati dello Shandong «nell'organizzazione e mobilitazione della maggior parte dei lavoratori per partecipare attivamente alla prevenzione e al controllo dell’epidemia, promuovendo l'istituzione di una linea di difesa stretta per la prevenzione e il controllo di gruppo e la tutela del personale medico e degli altri lavoratori che combattono l'epidemia in prima linea».

«Siamo solidali con la grave epidemia italiana. La Federazione Provinciale dei Sindacati dello Shandong è pronta a collaborare con la UIL Veneto per rafforzare la cooperazione internazionale in materia di prevenzione delle epidemie, combattendo insieme la situazione epidemica e collaborando per affrontare minacce e sfide comuni. Vogliamo insieme garantire un futuro condiviso per l'umanità. A tal fine, abbiamo deciso di donare 70.000 mascherine alla UIL Veneto per aiutare la vostra comunità a combattere l'epidemia in modo più efficace e per proteggere la salute e la sicurezza della vita dei lavoratori.

"Il sole esce sempre dopo la tempesta". Crediamo che se ci sosterremo e ci aiuteremo a vicenda, saremo in grado di superare l'epidemia il prima possibile».

«Si tratta di un gesto molto generoso e solidale», commenta Colamarco. «Appena arriveranno i materiali (contiamo entro la fine di questa settimana o l’inizio della prossima - con spirito costruttivo e collaborativo cercheremo di intervenire dove le istituzioni hanno più difficoltà e dove ci sono più problemi di approvvigionamento. Priorità verrà data ai lavoratori più esposti, ma cercheremo di fare in modo che nessuno resti indietro».

 

 

 

back to top