Menu

Fondo di solidarietà

  • Pubblicato in Notizie

Confindustria Veneto e Cgil Cisl Uil del Veneto, di fronte alla drammaticità della situazione causata delle avversità meteo del 29 e 30 ottobre 2018, hanno deciso – congiuntamente - di sostenere un impegno a favore delle popolazioni venete che sono state colpite. A questo fine, è stato sottoscritto da Matteo Zoppas (Presidente Confindustria Veneto) e dai segretari regionali delle Organizzazioni Sindacali, Christian Ferrari (CGIL Veneto), Gianfranco Refosco (CISL Veneto) e Gerardo Colamarco (UIL Veneto), un accordo per la costituzione di un Fondo di Solidarietà.  In questo Fondo verranno raccolti: 

• i contributi volontari dei lavoratori, attraverso la devoluzione di ore di lavoro;  

• i versamenti, parimenti volontari, da parte delle imprese.

La raccolta dei fondi avrà termine il 28 febbraio 2019. I fondi accantonati saranno destinati ai bisogni dei territori colpiti dal maltempo, sulla base della ripartizione percentuale dei danni, per Provincia, stimati dal Commissario della Protezione Civile e saranno accreditati sul c/c appositamente istituito dalla Protezione Civile, che procederà a rendicontarle in modo trasparente. Al fine dell’individuazione delle iniziative da poter finanziare, si farà riferimento prioritario alle indicazioni provenienti a livello locale. Confindustria Veneto e Cgil Cisl Uil del Veneto, hanno deciso di dare vita a questa iniziativa in coerenza con le esigenze che verranno espresse dai territori e con il piano della ricostruzione a sostegno dei lavoratori, delle imprese, nonché del ripristino dell'ambiente e delle infrastrutture. Obiettivo primario è garantire la certezza della destinazione dei fondi “comunque a sostegno dei servizi e delle strutture di pubblica utilità” e la loro più rapida utilizzazione, considerata la gravità della situazione e la necessità di avviare la ricostruzione.

Gerardo Colamarco, Segretario Generale della UIL del Veneto: «Questa iniziativa congiunta e unitaria dei sindacati, a fianco delle imprese, è una risposta concreta e solidale alle enormi esigenze delle popolazioni colpite dall’eccezionale evento atmosferico di fine ottobre. Tutte le province, anche se a livelli diversi, hanno subito danni ed è per questo che abbiamo voluto coinvolgere tutti i territori nella raccolta fondi. Faremo una campagna di sensibilizzazione tra i nostri iscritti perché aderiscano numerosi e convinti. Passata la fase di emergenza e di solidarietà, dovremo ragionare sul futuro, per la messa in sicurezza del nostro territorio. Come sindacato siamo pronti a fare la nostra parte» .

 

 

back to top