Menu

Def 2019, valutazione senza preconcetti

  • Pubblicato in Notizie

«Valuteremo con attenzione i provvedimenti, il nostro è un confronto basato sui contenuti e non sui preconcetti». Così Gerardo Colamarco, segretario generale di UIL Veneto, al termine dell’attivo dei delegati provenienti da tutta la regione e riunito questa mattina a Mestre, al quale ha partecipato anche il segretario confederale Domenico Proietti. «Non abbiamo ancora avuto il tempo di esaminare nel dettaglio la nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza. Vogliamo esprimere una valutazione che non sia frutto del “colore” del governo, ma degli effetti dei provvedimenti che verranno emanati: se essi andranno incontro alle esigenze di chi rappresentiamo (lavoratori, pensionati, categorie deboli) lo diremo con chiarezza».

La UIL mette comunque alcuni paletti. «Sulla flat tax, non vogliamo privilegi per chi ha già ottenuto molto dai precedenti governi. Sulle pensioni valuteremo se la cosiddetta “quota 100” non metta in discussione alcune aperture che avevamo ottenuto con il precedente governo (su lavori usuranti e APE sociale) e che nel calcolo della spesa pensionistica venga separata la parte previdenziale da quella assistenziale, e che la Commissione che deve occuparsene venga finalmente insediata. Valuteremo infine con attenzione quali sono le misure per lo sviluppo, per il mantenimento e la crescita dei posti di lavoro».

 

back to top